linkwidget

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

mercoledì 21 gennaio 2015

Qual'è la lunghezza ideale per la frase di un post?

lunghezza ideale frase post
Nel precedente articolo abbiamo visto su come migliorare il titolo in chiave Seo. Oggi parleremo di un altro importante fattore '' La lunghezza ideale per la frase di un post''. Perché questo? Perché il blogger che ignora questo punto offre al lettore una bassa leggibilità del suo scritto. All'inizio anch'io non tenevo conto di questo fattore, poi in effetti con il tempo, mi sono accorto della sua importanza. Ricorda che un post dev'essere chiaro, efficace e di facile comprensione. Cerca sempre di metterti nei panni di chi legge i tuoi articoli. Il web writer va a braccetto con la chiarezza e semplicità.

Ecco la lunghezza ideale per una singola frase di un post


Nel libro Scrivere per il web 2.0 di Alessio Scuratti, l'autore ci illustra una tabella ( testo e parole e grado di leggibilità). Da quanto possiamo vedere: una frase troppo lunga con oltre 30 parole o 26 raggiungerà pochissimi lettori. Il motivo è abbastanza semplice: Quel testo è stato pensato nei confronti di una cerchia ristretta di persone, che utilizza quotidianamente un linguaggio tecnico. Mi riferisco a un blog aziendale o di marketing, dove alcuni concetti non sono di facile comprendonio. Un buon equilibrio tra contenuto e lunghezza della frase è di 16 parole. Una frase composta da 16 parole  è in grado di raggiungere il 75% dei lettori. Attenzione però a non eccedere in un pensiero troppo corto, rischiamo di rendere un concetto troppo banale e di scarso valore.

Perciò scrivere un testo formato da 16 parole, si ha quasi la certezza di catturare la totalità del pubblico di ogni genere e formazione. Per conoscere la chiarezza dei tuoi scritti ti consiglio di provare servizio ''eulogos''.


15 consigli per una scrittura densa ed efficace

Appurato il concetto che i testi nel tuo blog non devono superare le 16 parole, ma neanche scendere a 9, è giusto capire cos'è una scrittura densa. Un articolo ricco di contenuti può essere così suddiviso:

1) Cerca di non ripetere un tuo pensiero. Rischi di annoiare il lettore.

2) Se proprio devi usare la stessa parola usa il vocabolario dei sinonimi e contrari. Magari quello di Virgilio.

3) Utilizza le parole giuste per centrare il tuo concetto.

4) Gli esempi sono degli ottimi viatici per spiegare una nozione difficile.

5) Evita parole troppo tecniche nel caso non scrivi per un blog aziendale o marketing. Ricorda che anche in questo contesto ci sono lettori alle prime armi. Quindi la semplicità premia in tutte e due i campi.

6) Nel web writer ''le figure retoriche'' sono difficili da digerire.

7)  Ricorda di creare titoli e dividere il tuo articoli in ulteriori paragrafi, qualora il post è molto lungo.

8) Un testo è più scorrevole con elenchi puntati, e elenco numerato. 

9) All'inizio del post arriva subito al nocciolo della questione. Non prolungarti in noiose dispersioni.

10) Il lettore non vuole perdere tempo, ha bisogno di trovare la risposta già all'inizio del post. Subito dopo potrai arricchire il tuo contenuto, incuriosendo il visitatore.

11) Avverbi e aggettivi devono essere utilizzati in maniera intelligente. 

12) La frase ideale per il tuo scritto è: Verbo -Soggetto - Complemento oggetto.

13) Evita preposizioni del tipo coordinate e subordinate. È quasi come ripetere sempre lo stesso concetto.

14) La scrittura online predilige i verbi nella forma più semplice, tipo ''Ascoltare musica arricchisce l'anima''.  Invece di '' Dare ascolto ''

15) L'uso della punteggiatura è importante. Utilizzala quando una frase è molto lunga.

Se ti è piaciuto il post ti invito a cliccare su g+. Anche i commenti son bene accetti :)

6 commenti:

  1. possibilmente anche scritta senza errori grammaticali...
    qual è e non qual'è!
    non me ne volere, ma prima di dare lezioni sarebbe necessario conoscere l'abc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati i miei sono consigli tecnici, non voglio dare lezioni d'italiano. Sono incappato nell'errore più diffuso. Spero che però hai letto il resto.

      Elimina
    2. (spero che tu abbia letto il resto)

      certo che l'ho letto. Mi rendo conto che, secondo la logica di internet, hai perfettamente ragione. Io, che sono anziana e petulante, penso che un blog sia fatto anche di emozioni, originalità e follia che mal si combinano con le regole descritte. Ovviamente dipende dal tipo di blog che hai.
      Comunque, non si tratta di dare lezioni di italiano. Ci sono alcuni lettori, tipo la sottoscritta, che amano leggere testi magari con qualche parola in più delle raccomandate 16, ma scritte in maniera corretta. e poi, se consideri anche la fetta di lettori che non comprendono l'italiano ma traducono al volo con Google ( io lo faccio spesso per testi che non sono in inglese, così almeno ho un'idea del contenuto e, se davvero mi interessa, me lo traduco per bene ), gli errori di scrittura non permettono il riconoscimento della parola.
      anche questo è un "barbatrucco", no?
      Ad ogni modo, grazie.
      Adelia

      Elimina
    3. La passione sicuramente è fondamentale come condividere le proprie emozioni, sono d'accordo con te. Purtroppo però un blogger per avere visibilità ha bisogno anche di seguire alcune regole ''Seo'', con il fine di comparire nei motori di ricerche. In pratica scrivi sempre per il lettore, ma usa alcune norme '' tecniche'' - affinché i lettori ti possano trovare quando cercano una determinata cosa. Certo se uno formula una frase senza centrare il concetto, è tempo sprecato. Ovviamente Google translate non è preciso. Per capire il senso di una lingua una persona ha bisogno di vivere per un bel po di tempo in quel paese. Ti faccio un esempio noi diciamo ''finte braccia'', per una persona che si è dimostrata falsa nei nostri confronti, traducendolo letteralmente in inglese è: fake arms - per un uomo con protesi. Grazie a presto.

      Elimina
  2. Concordo: Aranzulla dimostra che il successo sul web si ha scrivendo in maniera semplice e chiara. I giri di parole non pagano e credo non piacciano nemmeno tanto a Google

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero scrivere semplice arrivando subito al nocciolo della questione

      Elimina