linkwidget

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

sabato 28 febbraio 2015

Blogger contenuti per adulti; Google ci repensa

Solo qualche giorno fa Google aveva annunciato stop ai contenuti per adulti sulla piattaforma Blogger. Ora Big G ci ripensa facendo dietro front. Con poche righe Google ha spiegato di avere cambiato idea lasciando immutate anche le immagini forti che vanno contro la sua politica. Come avevano previsto nel precedente post il colosso di Mountain View ha preso in serie considerazione la possibilità che molti utenti potessero immigrare in massa in un'altra piattaforma. Neanche a farlo apposta Google ha ricevuto migliaia di feedback negativi.

La nuova predisposizione di Big G prevedeva di impostare delle pagine private qualora i Blog a partire dal 23 marzo contenevano articoli o qualsiasi altra cosa di natura esplicita. I proprietari di tali contenuti dovranno etichettare il loro blog come Contenuti per adulti. Per fare questo non dovete far altro che andare su Altro > poi selezionare il segno di spunta ''Si contenuto per adulti''. Le persone prima di entrare nel tuo blog verranno avvisate tramite un messaggio di avviso che gli chiederà di confermare se intendono procedere al tuo blog.

Google fa marcia indietro per paura di perdere molti utenti di Blogger

Anche Big G ha dovuto lasciare da parte la morale e pensare di più alla crescita e al mantenimento della sua piattaforma Blogger che assieme a Wordpress detiene il monopolio del Blogging online. Eppure tutto ciò  è alquanto strano almeno a livello di pubblicità perché Adsense - servizio di banner pubblicitario di Google vieta categoricamente i blog con contenuti per adulti, perciò in questi siti è impossibile trovare i loro banner. Quindi non ci sarebbe neanche una perdita economica. Resta il fatto che certi blog pur non avendo la pubblicità di Adsense producono un notevole traffico per Blogger permettendogli di essere tra le prime piattaforme più visitate. Senza considerare ogni giorno quanti nuovi Blog con Bogger nascono,  ma quanti  altri vengono lasciati a morire nei meandri del web.

1 commento: