linkwidget

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

lunedì 20 febbraio 2017

Annunci You Tube: nel 2018 addio a quelli da 30 secondi



Una delle cose più fastidiose su YouTube è probabilmente il vincolo di dover guardare due volte su tre la pubblicità della durata di 30 secondi. Dagli ultimi rumors sembra che a partire dall'anno prossimo, dal 2018 tutto questo potrebbe cambiare o perlomeno avremo dei formati più brevi. Il team di YouTube sta lavorando per concentrarsi su altri formati adatti sia per gli utenti che gli inserzionisti. Alphabet/Google/Youtube ha quindi preso in seria considerazione le lamentele che gli utenti hanno nel dover subire passivamente l'annuncio pre-video. Ovviamente per tutto il 2017, gli internauti porteranno ancora pazienza, poi nel 2018 sarà la svolta dicendo addio ai 30 secondi di pubblicità obbligatoria. Una mossa logica secondo gli stessi Guru di YouTube e secondo lo stesso Andrew Peake che ha dichiarato che consumatori non amano gli annunci ignorabili. 

Creatori di contenuti Youtube contrari

Chi probabilmente non piacerà questa nuova operazione saranno i creatori di contenuti che guadagnano tramite i banner di Youtube e gli inserzionisti (le società che pagano per mostrare la pubblicità all'interno dei video). Una mossa per contrastare la strategia di Facebook, la cui offerta video -ha detta di Callum McChaon sta diventando sempre più concorrenziale e attraente agli occhi dei piccoli e grandi inserzionisti. L'industria ha bisogno di migliorare l'esperienza di pubblicità online per gli utenti e questo è un passo nella giusta direzione - ha commentato Phil Smith, direttore generale della ISBA. Ad ogni modo, nel 2016 Alphabet a capo di You Tube e Google ha registrato un aumento importante del 22,2% del fatturato trimestrale grazie agli inserzionisti che hanno deciso di spendere e investire di più per raggiungere un target sempre più ampio di utenti che guardano i video dai loro smartphone. Il totale dei ricavi della società nel Q4 2016 sono aumentati a 26.06 miliardi di dollari

Nessun commento:

Posta un commento